Quando si pensa a una nuova parete colorata quasi sempre si ragiona su un unico colore, una scelta “sicura” con cui è difficile sbagliare che però potremmo definire convenzionale. Se si desidera qualcosa di diverso che dia all’insieme particolarità si può pensare di puntare sul colore, ma in maniera più originale declinandolo, per esempio, non in 1, ma in 2 tonalità. Questo darà vita a combinazioni inedite capaci di stravolgere completamente l’aspetto di un ambiente valorizzandolo con innovazione, particolarità che la tinta unita non farebbe. Si tratta di lavorare con 2 colori articolandoli con diverse opzioni e calibrando il colore alle dimensioni dello spazio (ampiezza, altezza…) e al tipo di arredamento che si ha o che si darà all’ambiente una volta completato. Per comprendere meglio come fare ecco 4 soluzioni che puntano sulla doppia combinazione di colori a parete con cui sbizzarrirsi e giocare per rinnovare con contemporaneità e ritrovata creatività. 

Puntare sulle nuance di colore per dare carattere a una parete

Se si dispone di un ambiente ben illuminato, dotato quindi di una soddisfacente fonte di luce naturale (finestre/porta finestre), l’idea di puntare, per il colore delle pareti, su una combinazione di 2 colori in nuance, cioè appartenenti alla stessa scala cromatica, può dare vita a una situazione meno convenzionale e davvero originale. Per questo genere di combinazioni il consiglio è di organizzare il colore posizionando in basso la nuance più scura e satura e in alto quella più chiara e soave. Questo non solo perchè la parte più bassa è soggetta a sporcarsi con una maggiore facilità, ma anche perchè dipingere con una sfumatura chiara sopra darà maggiore luminosità all’ambiente e all’insieme tutto. Fra le gamme cromatiche più attuali e che più si prestano a questo gioco troviamo sicuramente: i verdi, da declinare nelle diverse tonalità, ma anche i blu più freddi e, per chi ama rischiare, le tonalità calde del color terracotta (un mix di marrone e arancione). Queste combinazioni di colore a parete saranno perfette per rinnovare una sola parete dell’ambiente (mantenendo neutro tutto il resto), ma anche per dare una nuova identità l’intero spazio. Inoltre, combinazioni di questo genere possono essere un’ottima alternativa se si desidera dare risalto a un elemento d’arredo e andranno benissimo, per esempio, se si è a caccia di un modo creativo per rinnovare la parete che fa da testiera del letto.  

Scegliere i contrasti se lo spazio è ampio

Se ci si trova in un ambiente ampio e con i soffitti particolarmente alti, per rinnovare le pareti si può pensare di lavorare su un gioco di colori a contrasto. Una soluzione da sviluppare con delle fasce di colore da articolare in base al tipo di spazio di cui  si dispone. Come nel caso dei colori in nuance anche in questo caso il consiglio è di abbinare a un colore più saturo e scuro uno più leggero e chiaro e di utilizzare il primo per la parte bassa della parete e il secondo per la parte più alta. Le dimensioni delle fasce di colore potrà essere variabile, ma queste andranno sempre calibrate all’altezza dei soffitti e all’ampiezza della stanza. Puntare su giochi di contrasti cromatici netti sarà un modo molto interessante per dare carattere e forza a una stanza stanza che, abitata in modo importante dal colore, andrà arredata con sobrietà puntando (preferibilmente) su uno stile semplice ed essenziale. Fra le tonalità di tendenza che maggiormente si prestano a realizzare queste combinazione di doppio colore a parete a parete  troviamo tutta la gamma dei blu più intensi, perfetti per la parte bassa daranno vita a soluzioni estremamente raffinate e molto attuali.

Sviluppare delle geometrie se si vuole creare un effetto ottico

Se si desidera creare qualcosa di veramente inusuale che faccia cambiare completamente aspetto a un ambiente l’idea di studiare con il colore dei giochi di geometrie a parete può davvero aprire il campo a combinazioni molto interessanti. Che si tratti di una fascia di colore che dal pavimento sale su fino al soffitto coinvolgendolo o che si decida di dare nuova vita a un angolo, creando due fasce inclinate di colore che evidenzino lo spazio, questa idea contemporanea , da studiare sempre con grande attenzione, potrà davvero rivoluzionare in positivo l’insieme. Da realizzare sia in grandi ambienti, ma anche e soprattutto in piccoli spazi per dare qualità e carattere, andrà realizzata puntando su una tinta decisa, ma non troppo scura, e mantenendo in bianco la restante parte della parete. Questo genere di combinazione sarà ideale per regalare profondità all’insieme e/o per aumentare la percezione dello spazio facendolo sembrare immediatamente più ampio.

Giocare con il bianco se lo spazio non è grandissimo

Puntare su una bicromia che alterni il bianco a un altro colore è sicuramente una  fra le soluzioni più “facili” e più comuni da realizzare. Una combinazione non nuovissima, ma comunque  ideale, per rallegrare un ambiente spento o per ampliare la percezione di uno spazio. In modo particolare quando lo spazio non è grandissimo, infatti, o quando i soffitti non sono particolarmente alti, puntare su una soluzione bicolore a mezza altezza, con la parte bassa tinteggiata con un colore deciso e l’altra volutamente mantenuta in bianco potrà dare vita a nuove scenografie e permetterà un cambio di stile tutt’altro che banale. Una combinazione perfetta in ambienti non particolarmente grandi, o stretti e lunghi come, per esempio un corridoio, ma da pensare anche per ambienti ampi e già molto arredati in cui si desidera creare qualcosa di fresco, ma di non troppo impegnativo. 

Giocare con le diverse articolazioni del colore a parete è un’idea da tenere presente se si è a caccia di un’idea meno scontata, i giochi di bicromie saranno un ottimo escamotage stilistico per rinnovare, risolvere difetti dello spazio e/o arredare con costi davvero contenuti.

Letto 1131 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.